Cile: nuova grave inondazione a Copiapò

copiapoalluvione4Fr. Fabrizio Restante il 15 maggio ha scritto dal Cile al Ministro Provinciale per informarlo della situazione della cittadina di Copiapò e della regione di Atacama recentemente colpite di nuovo da una violenta alluvione:

Nella parrocchia la situazione è abbastanza critica, direi ancora di più rispetto al 2015, questa volta non è sceso tanto fango, è stata più che altro acqua, tuttavia viste le precarie condizioni lasciate dall'alluvione del marzo 2015, quello che era rimasto in piedi allora, adesso è andato giù del tutto. La cosa più triste per la gente è che si erano appena risistemati dell'alluvione passata, e adesso questo nuovo colpo duro!
Nella zona di San Pedro, dove vivono i francescani secolari missionari Salvatore ed Angela (a loro grazie a Dio non é successo nulla e stanno bene!), lì è ancora peggio, poiché il 99% della semina del campo - visto che è zona agricola - è andata distrutta: danni immensi, poiché a parte il Rio Copiapò che ha tracimato, sono venute giù altre frane dalle pendici della zona che hanno dato il colpo di grazie in tutta la pianura di San Pedro.
La situazione è davvero quasi apocalittica. Questa mattina mi recherò a far visita alla zona, dato che fino ad ora il cammino era stato interrotto poiché anche la strada era inondata... invierò foto.
Come parrocchia ci stiamo attivando per aiuti di prima necessità soprattutto vestiti e cibo, facciamo quello che possiamo. Per fortuna ho conoscenze al municipio che ci appoggia in tutto e ci farà inviare aiuti per gli alimenti.
Già le macchine stanno lavorando per pulire le strade e i luoghi nevralgici dell'accaduto.
Ti allego alcune foto, con la cappella di Santa Clara che è stata inondata solamente dal di fuori.

A risentirci, e una preghiera a S. Antonio.
Fr. Fabrizio
copiapoalluvione1 copiapoalluvione2
copiapoalluvione3 copiapoalluvione6
copiapoalluvione8 copiapoalluvione9
© 2017 Provincia Italiana di S.Antonio di Padova | Privacy & Cookies
Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità alla direttiva europea 2009/136/CE. Accetto Informativa