Rimini-Bellariva chiesa parrocchiale Cuore Immacolato di Maria
Visita canonica dal 13 al 20 marzo 2016 in Emilia Romagna


Ho iniziato la visita in Emilia Romagna, in Romagna per essere più esatti. È il territorio dell'ex Provincia Bolognese di S. Antonio, dal 2013 divenuta, assieme all'ex Provincia Patavina di S. Antonio -entro un percorso di unificazione-, un'unica Provincia con il nome di Provincia Italiana di S. Antonio di Padova. Lo spazio geografico della nuova Provincia corrisponde a quello di cui frate Antonio da Lisbona (poi divenuto S. Antonio di Padova) è stato uno dei primi ministri provinciali. La Romagna è stato il luogo che ha visto, a partire dalla città di Forlì, il suo exploit, il suo 'manifestarsi' al mondo come evangelizzatore impareggiabile. ...I disegni di Dio!
Rimini-Bellariva tra parrocchia e mare il giardino della santa infanzia
Rimini-Bellariva: Convento e Parrocchia Cuore Immacolato di Maria.
In antico la nostra presenza francescana conventuale era nel cuore della città: la chiesa di San Francesco poi divenuta Tempio Malatestiano, attuale cattedrale della diocesi. Spazzati via dalle soppressioni, i frati ritornarono a Rimini, in una zona di periferia a sud del capoluogo, nel 1948, innalzando la chiesa parrocchiale dedicata al Cuore Immacolato di Maria, un edificio Rimini-Bellariva interno della chiesaimponente dalle linee gotiche, con la facciata che guarda verso la nascita del sole, dal mare. Che è subito là, a 300 metri, una volta oltrepassato viale Regina Margherita. Circa cinquemila i parrocchiani che in estate, da giugno a settembre, diventano il triplo con il variopinto popolo delle vacanze (italiani, tedeschi, russi,...).
I frati sono sei: Giuseppe, Salvatore, Maurizio, Candido, Paolo (confratello cinese) e Lino che con i suoi (presto) 101 anni e la testa ancora buona, è il 'decano' della Provincia.
La pastorale è la consueta di ogni comunità parrocchiale, portata avanti in squadra, frati e laici che coadiuvano il parroco, fr. Giuseppe. Accanto alla vita liturgica, alla catechesi, all'attenzione caritativa, la preoccupazione di tirar su un gruppo di adolescenti e giovani, alcuni dei quali trovano spazio nella proposta scout. Come spesso accade nelle nostre presenze francescane c'è anche l'OFS (ordine francescano secolare) per i laici che nel 'secolo' ovvero nella vita ordinaria vivono secondo la spiritualità francescana. C'è buon vicinato e collaborazione con i parroci e comunità vicine, Rivazzurra e Miramare.
La città è vicina, suggestiva con i suoi luoghi significativi che risalgono al tempo romano e medievale. Qui il giovane frate Antonio compì i miracoli in difesa della fede che l'arte ha ripreso maggiormente: la predica ai pesci (dopo che i catari, che si ritenevano -come dice l'etimo del nome- "puri" s'erano rifiutati di ascoltarlo); il miracolo della mula digiuna da giorni che s'inginocchia davanti al frate che reca l'Eucarestia, facendogli così vincere la sfida ingaggiata con Bonvillo. Non ci sono più gli eretici oggi, ma i frati, assieme a tutta la Chiesa, sono impegnati in altre sfide: l'indifferenza, la crisi di valori che attraversano le famiglie...Una comunità accogliente, frati e laici, può sempre fare la sua parte. Anche a ridosso di una spiaggia, sulla riva del mare.

Longiano-FC Santuario Ss.mo CrocifissoLongiano-FC: Convento Ss.mo Crocifisso
Sulle prime alture, appena lasciata Cesena, spaziando tra le colline romagnole e il mare, si trova il borgo ridente di Longiano, comune in provincia di Forlì-Cesena. Il paese è sovrastato dal castello malatestiano che sorveglia l'intera zona. Il Convento e Santuario Ss.mo Crocifisso (chiesa giubilare della diocesi di Cesena-Sarsina) è assieme al paese, là sotto, ad un passo dalla chiesa parrocchiale. C'è un grande silenzio mentre lo sguardo spazia tra alberi in fiore e paesi in lontananza che sbucano dal paesaggio.
Longiano Ss.mo CrocifissoI frati sono sei: Mirko, Antonio, Carlos, Giuseppino, Tommaso, Andrea (e per quest'anno s'è aggiunto, in tempo sabbatico, Maurizio). La fraternità anima il Santuario intitolato al Ss. mo Crocifisso a motivo di un'antica e venerata icona del XIII secolo, punto di riferimento per tanti che si recano per una sosta, celebrare la riconciliazione, l'eucarestia; inoltre, è in uscita, per l'aiuto alle parrocchie vicine. Soprattutto offre al territorio momenti di spiritualità, incontri di crescita e condivisione per giovani e famiglie. Due giovani attualmente vivono con i frati entro un tempo di discernimento e studio. Accoglienza e proposta sono le specializzazioni della fraternità che non è sola in questa testimonianza e servizio. Infatti a Longiano, c'è come un 'unicum', costituito dalla compresenza, ciascuno in un proprio ambito, di Frati, Suore (Francescane Missionarie di Assisi: suore Emilia, Irma, Lamberta, Adele, Antonia) e Laici che risiedono in cinque appartamenti ricavati dall'ex seminario, vivendo con frati e suore la spiritualità francescana. Alcuni di essi fanno parte di una vivace fraternità OFS. La pastorale del Santuario è quindi portata avanti assieme (gruppi famiglie, percorsi per fidanzati, proposte per adolescenti e giovani).
Vicino al convento, nell'ex rustico, da più di dieci anni, grazie alla collaborazione frati-laici, c'è l'Associazione Homo Viator che accanto al doposcuola, assicura proposte formative per i ragazzi del territorio.
Per concludere il quadro, dal convento di Longiano dipende il Villaggio San Francesco sito nel comune di Badia Prataglia-AR, appena entrati dalla Romagna in Toscana: da giugno a settembre un piccolo nucleo di frati e laici volontari accompagna gruppi parrocchiali e persone in vacanza nel fresco della foresta casentinese offrendo momenti di vita fraterna e di proposta.
Nella mia visita sono capitato a ridosso della settimana santa, cadendo giusto nella tradizionale tre giorni per giovani e persone della zona (e della regione) in preparazione alla Pasqua. Occasione buona anche per me per una sosta pre-pasquale e per riandare al senso del nostro servizio: incontrare e mostrare a tutti il Crocifisso Risorto.
Fr Giovanni Voltan, Ministro Provinciale
Badia Prataglia-AR Villaggio San Francesco
 
© 2022 Provincia Italiana di S.Antonio di Padova | Privacy & Cookies

Area riservata